19 maggio 2018

Mille Miglia 2018: la terza tappa [ALFA ROMEO PRESS - 🇬🇧ENGLISH PLEASE SCROLL DOWN🇬🇧]


Lungo le strade storiche della Mille Miglia si è conclusa una frazione avvincente da Roma a Parma, ma le emozioni non sono ancora finite.

Per celebrare i novant'anni della prima vittoria di Alfa Romeo è previsto per la tarda mattinata di oggi un passaggio celebrativo a Milano e ad Arese presso il Museo Storico Alfa Romeo dove si svolgeranno alcuneprove cronometrate sul circuito interno.

Saranno presenti anche i piloti Marcus Ericsson e Charles Leclerc della scuderia Alfa Romeo Sauber F1 Team che stanno disputando il campionato di Formula 1 2018.

È online il progetto "Alfa Romeo: la Mille Miglia in 90 luoghi", che consente di ripercorrere le tappe più significative della storia del brand alla Mille Miglia, a novant'anni dalla prima vittoria.



La Mille Miglia saluta Roma di buon mattino, sotto un sole splendente. Tra i tanti, piccoli, miracoli popolari ascrivibili alla Freccia Rossa c'è l'esclusiva capacità di fendere il traffico mattutino sul Grande Raccordo Anulare. Ma la passione è tale e tanta che gli automobilisti si concedono una pausa dalle incombenze quotidiane per ammirare il passaggio del museo viaggiante. Strappano sguardi d'ammirazione e interesse anche Giulia e Stelvio: fanno parte della flotta ufficiale di 30 vetture che il marchio mette disposizione dell'organizzazione come vetture ufficiali. Il modo migliore per scoprire da vicino il DNA di Alfa Romeo, intriso di storia e di competizione e forte di un passato leggendario che anche alla Mille Miglia ha scritto pagine da record. Oggi, per il novantesimo anniversario della prima vittoria di Alfa Romeo alla Mille Miglia, è nato il progetto "Alfa Romeo: la Mille Miglia in 90 luoghi", che consente di ripercorrere una storia di vittoria attraverso luoghi particolarmente significativi.



Road book alla mano,
la carovana fa rotta sul Parco Naturale Regionale di Bracciano Martignano e lungo le rive del lago di Vico, che vanta il primato d'altitudine tra i grandi laghi italiani. Ci si trova infatti a oltre 500 metri sul livello del mare, l'aria è quasi pungente e le strade invogliano a imboccare ogni curva con il piglio adeguato alle prove in scena qui e sul Monte Cimino. I pini marittimi di Parco de' Medici hanno lasciato spazio al verde fitto lungo la strada, e, oltre Viterbo, al fascino collinare della Tuscia. Soffermarsi dettagliatamente su ogni paese che attraversa la Mille Miglia non sarebbe possibile, però il clima di festa che distingue ogni ingresso rimane unico e sempre indimenticabile. Il primo abbraccio è in Piazza Vittorio Emanuele, a Ronciglione, e regala la spontaneità e i sorrisi irresistibili e un po' sdentati dei bimbi con i loro grembiuli azzurri e rosa e le bandierine della Mille Miglia agitate al passaggio delle auto.



La mattinata scivola veloce e piacevole come il vento che dal Lago di Bolsena sospinge in Toscana. Si prosegue, tra divertimento e curve, e la meraviglia inizia a ingannare i sensi. I motori che rombano tra Radicofani e Siena suonano da dichiarazioni d'amore verso la Penisola. E non importa che i cilindri talvolta possano stonare: vale la pena di citare con gratitudine il lavoro, spesso notturno, dei meccanici che operano con la delicatezza di chi accorda uno strumento prezioso. L'amore è corrisposto, in Piazza del Campo, il culmine della mattinata prima del pranzo nel borgo di Monteriggioni.



Il road book è lo spartito, e non esistono passaggi intermedi: ogni momento della Mille Miglia è centrale. I chilometri tra colli, vigne e rocche proseguono rapidamente, su strade che hanno fatto la storia dell'automobilismo nazionale e internazionale. Intanto s'attraversa San Miniato e poi si giunge a Lucca, la città di Giacomo Puccini. Passione costante, discorso musicale rapido, incisi taglienti, armonie dissonanti: è la Tosca, ma è un linguaggio che potrebbe raccontare una gara automobilistica. Poi Lucca è alla spalle, e il Tirreno si distende mentre da Pietrasanta si raggiunge la litoranea che passa in rassegna Forte dei Marmi e Marina di Massa, illuminate d'ambra dal sole al tramonto. Questa la diapositiva con la quale si saluta l'accoglienza Toscana per approdare in Liguria, a Sarzana, dalla sua fondazione crocevia di importanti vie di comunicazione.



I chilometri verso Parma sono ancora molti, e c'è da scalare il Passo della Cisa. È tardi, ma non manca una platea da Gran Premio lungo la strada, trepidante ed emozionata alla vista di così tante vetture. Spettatori partecipi, che in un cenno della mano riassumono il desiderio di incoraggiare le gesta dei piloti. Gesta che dopo quindici ore di guida sconfinano nell'eroismo. La strada si raddrizza lungo il Taro e da Collecchio si intravede finalmente il traguardo dell'antica capitale del Ducato di Parma e Piacenza. Alla conclusione della tappa, tra le maglie della stanchezza filtrano la curiosità per la classifica, l'intima soddisfazione sfilandosi i guanti e il primo accenno di malinconia: Brescia è sempre più vicina. Quest'anno però, sempre per festeggiare i novant'anni del primo successo Alfa Romeo, è previsto per la mattinata di oggi un passaggio celebrativo a Milano e ad Arese presso il Museo Storico Alfa Romeo dove si svolgeranno alcune prove cronometrate sul circuito interno e saranno presenti anche i piloti Marcus Ericsson e Charles Leclerc della scuderia Alfa Romeo Sauber F1 Team che sta disputando il campionato di Formula 1 2018.



Parma, 19 maggio 2018

🔻🔻🔻🔻🔻🔻🔻🔻🔻🔻🔻🔻🔻🔻
CONTATTI STILE ALFA ROMEO
🔺🔺🔺🔺🔺🔺🔺🔺🔺🔺🔺🔺🔺🔺
✅Telegram PUBLIC CHANNEL : https://telegram.me/stilealfaromeo
✅WhatsApp PUBLIC GROUP : https://chat.whatsapp.com/Dl72rSMPQ9c2hF8KX81O29 
✅Sito WEB: www.stilealfaromeo.com
✅Email: stilealfaromeo@gmail.com
✅Contatto Segreteria Stile Alfa Romeo - GSM/WhatsApp +39377199 0910

🇬🇧ENGLISH VERSION🇬🇧



2018 Mille Miglia: third stage


An exciting stage from Rome to Parma has been run over the historic Mille Miglia roads, but there are more thrills still in store.
To mark the ninetieth anniversary of Alfa Romeo's first victory, late this morning the race will pay a celebratory visit to Milan and to the Museo Storico Alfa Romeo at Arese, where time trials will be held on the internal circuit.
Drivers Marcus Ericsson and Charles Leclerc from the Alfa Romeo Sauber F1 Team currently taking part in the 2018 Formula 1 championship will also be present.
The "Alfa Romeo: the Mille Miglia in 90 places" project, retracing the most significant stages in the brand's history at the Mille Miglia, ninety years after its first victory, is now online.



Mille Miglia bade farewell to Rome in the early morning, in bright sunlight. Amongst the many small popular miracles ascribed to the Red Arrow is the unique ability to cut through the morning traffic on Rome's infamously busy ring-road, the Grande Raccordo Annulare. The passion is such that this year drivers were once again happy to forget the busy day ahead and enjoy the wonderful sight of the "travelling museum" going by. There were also admiring glances and great interest for Giulia and Stelvio: they belong to the official fleet of 30 vehicles which the brand is making available to the organisers as official cars. There could be no better way of getting first-hand experience of the Alfa Romeo DNA, steeped in history and competition and with the vigour of a legendary past, including unique records at the Mille Miglia. To mark the ninetieth anniversary of Alfa Romeo's first victory in the Mille Miglia, today sees the launch of the "Alfa Romeo: the Mille Miglia in 90 places" project, retracing history through some key locations.



Road book in hand, the caravan headed for the Lake Bracciano Regional Natural Park and along the shores of Lake Vico, the highest of Italy's major lakes. It is more than 500 metres above sea level, and there was almost a bite in the air. The roads were an open invitation to the drivers to take every bend in the style required by the test stages held here and on Monte Cimino. The umbrella pines of the Parco de' Medici gave way to dense greenery along the roadsides and, after Viterbo, to the beautiful Tuscan hills. It would be impossible to provide a detailed description of every town the Mille Miglia crosses, but the festive mood that reigned in every single place was always unique and unforgettable. The first of these warm welcomes was on Piazza Vittorio Emanuele, at Ronciglione, and it included the irresistible, carefree, slightly gap-toothed smiles of primary school children in their blue and pink uniforms, waving Mille Miglia flags as the cars went by.



The morning flew by as quickly and pleasantly as the tail wind along the route from Lake Bolseno to Tuscany. An endless sequence of enjoyment and bends, in marvellous settings that almost began to deceive the senses. The roar of the engines between Radicofani and Siena had the ring of a declaration of love to Italy. And it doesn't matter if the cylinders occasionally sound off-key: grateful thanks still go to the hard, and often nocturnal, work of the mechanics who work with the delicacy of someone tuning a precise musical instrument. The passion was requited in Piazza del Campo, the culmination of the morning's racing, before lunch in the fortified village of Monteriggioni.



The road book is the musical score, and there are no fill-in passages: every moment of the Mille Miglia is crucial. The kilometres rolled by quickly amidst the hills, vineyards and rocks, on roads where the history of Italian and international motorsports were written. The cars passed San Miniato and reached Lucca, the city of Giacomo Puccini. Constant passion, a fast-moving musical language, heart-rending motifs, clashing harmonies: coined to describe Tosca, these phrases apply equally well to an automotive race. Then Lucca was left behind and the Tyrrhenian Sea came into view; from Pietrasanta the route led down to the coast road, and then through Forte dei Marmi and Marina di Massa, lit by the setting sun. This was the picture postcard with which the race said goodbye to Tuscany to enter Sarzana, a major cross-roads ever since its foundation.



There was still a long way to go before Parma, and the high Cisa Pass to be climbed. It was late, but crowds worthy of a Grand Prix were still lining the road, thrilled and excited to see so many cars. Keen spectators, waving their encouragement to the drivers. Drivers whose performance, after fifteen hours at the wheel, was verging on the heroic. The road straightened out after Taro and from Collecchio the finishing point, the ancient capital of the Duchy of Parma and Piacenza, was finally in view. At the end of the stage, curiosity about placings started to penetrate the mists of fatigue, and the intimate satisfaction of finally removing driving gloves was tinged with melancholy: Brescia was drawing nearer and nearer. However, this year, as an additional celebration for the ninetieth anniversary of Alfa Romeo's first victory, this morning the race will pay a celebratory visit to Milan and to the Museo Storico Alfa Romeo at Arese, where time trials will be held on the internal circuit with drivers Marcus Ericsson and Charles Leclerc, from the Alfa Romeo Sauber F1 team currently taking part in the 2018 Formula 1 championship, also present.



Parma, 19 May 2018


🔻🔻🔻🔻🔻🔻🔻🔻🔻🔻🔻🔻🔻🔻
CONTATTI STILE ALFA ROMEO
🔺🔺🔺🔺🔺🔺🔺🔺🔺🔺🔺🔺🔺🔺
✅Telegram PUBLIC CHANNEL : https://telegram.me/stilealfaromeo
✅WhatsApp PUBLIC GROUP : https://chat.whatsapp.com/Dl72rSMPQ9c2hF8KX81O29 
✅Sito WEB: www.stilealfaromeo.com
✅Email: stilealfaromeo@gmail.com
✅Contatto Segreteria Stile Alfa Romeo - GSM/WhatsApp +39377199 0910

Nessun commento :

AdSense

ISCRIVITI GRATUITAMENTE ALLA NEWSLETTER DEL SITO







Subscribe to our mailing list


* indicates required